A Torino c’è Manno Boxing Club…una palestra di vita

Torino, 21 marzo 2017 – Benoit Manno da circa un anno e mezzo, per la precisione dal 21 settembre 2015, ha aperto una palestra, Manno Boxing Club, in corso Francia 333/8 a Torino proprio di fronte alla fermata Marche della metro. Palestra nuova e moderna che lo impegna a tempo pieno, ma non preclude la strada del ring nonostante da un po’ di temp il 36enne di Vibo Valentia sia “fuori”. Ha iniziato la boxe vent’anni fa su consiglio di un amico ed è nata una grande passione con l’esordio nel Boxing Club Torino del maestro Carlucci. Non poche le soddisfazioni raccolte che lo hanno portato da professionista alla conquista di un titolo italiano e alla sfida europea con Emiliano Marsili, contro il quale non si presentò nella forma migliore essendo stato chiamato all’ultimo momento.

Quale è stata la più grande soddisfazione da pugile?

Per me sono state le tre convocazioni in Nazionale.

Al contrario la più grande delusione ?

Cinque anni fa organizzai un titolo intercontinentale  grazie al contributo del mio paese d’origine, tutta la gente del paese aveva aiutato per quello che sarebbe rimasto un evento unico nella storia di Acquaro. Alla fine tutto sfumò. Io buttai al vento 2 mesi di preparazione. Ancora oggi ho ogni tanto degli incubi di questo fallimento.

Intendi continuare a combattere?

Penso di avere ancora le carte in regola per poter dire la mia.  Per ora la meta è un semplice rientro, dopodichè insieme al maestro Vottero studierò qualcosa di più importante, magari un titolo italiano.

Hai trovato difficoltà nell’aprire questa Palestra?

Le difficoltà tipiche di chi apre un’attività: burocrazia , lavori, imprevisti. Ma nel complesso tutto è filato liscio.

Vista la tua esperienza di pugile cosa pensi di poter trasmettere alla società e ai suoi iscritti?

Mi preme di trasmettere la passione per il pugilato ad ogni singola persona che varca la porta della palestra. L’obiettivo è debellare tutte le leggende metropolitane legate al pugilato e far scoprire alla gente, che il pugilato non è solo combattimento, ma una valvola di sfogo contro lo stress quotidiano, una cura  per  affrontare le paure e incrementare la sicurezza.

Cosa rappresenta per te questa Società ?

Un piccolo sogno realizzato

Si fa solo boxe o ci sono anche altre discipline?

C’è un corso di preparazione funzionale per tutti gli sport da combattimento. Un corso di thai boxe , uno di k1, e altri due corsi per bambini sia di kick boxing che di pugilato.

La palestra ha avuto un buon riscontro con le iscrizioni?

Si, partivamo già con uno zoccolo duro di iscritti, poi da lì la scalata è stata facile grazie al passaparola, alla posizione strategica della palestra, all’ottimo lavoro svolto dagli istruttori, in primis il direttore sportivo Roberto Mariano, storico pugile della gloriosa Ilio Baroni.

C’è una suddivisione di orari?

Ogni corso dura minimo un’ ora e venti, la  palestra apre alle 11 e chiude alle 22

Quanti agonisti?

Per ora abbiamo una dozzina di agonisti, che mi stanno dando buone soddisfazioni.

Si iscrivono anche ragazze?

Si sono iscritte una trentina circa.

Le persone che frequentano i tuoi corsi da quale ceto provengono?

Le classi sono molto eterogenee: studenti, avvocati, commercianti, disoccupati, imprenditori,casalinghe.

Hai ottenuto qualche risultato interessante o magari è ancora troppo presto?

Nonostante abbiamo cominciato da poco più di un anno siamo già riusciti ad organizzare due manifestazioni. I verdetti sono stati quasi tutti positivi, quindi contiamo nel 2017 di partecipare a impegni più importanti. Inoltre abbiamo  l’onore di collaborare con associazioni che si occupano di giovani in difficoltà e anche quest’anno porteremo avanti il progetto con alcune scuole.

Presentare tali progetti è stato un lavoro lungo e laborioso, il merito va al consigliere Christian Taccaglino, sempre disponibile.

Sei coadiuvato da altri insegnanti ?

Si, in palestra oltre al preparatore atletico, ho al mio fianco Roberto Mariano, ormai colonna portante della palestra.

Al di fuori della boxe hai altri interessi?

Amo la lettura, i viaggi, ma la maggior parte del tempo lo dedico a mia figlia Josette.

di Alfredo Bruno

 

Lascia un Commento