Accadde oggi: 4 gennaio 1919 Abelardo Zambon batte Mario Gavirati

Il 4 gennaio 1919 Abelardo Zambon difese a Milano per la prima volta il titolo italiano dei welter. Il match durò pochissimo: un round solo, perchè la micidiale potenza del lombardo non diede la possibilità di difesa al suo sfidante Mario Gavirati. Qualche dubbio sulla data c’è con boxrec e Annuario Ballarati che riportavano il 4 gennaio, mentre Pietro Anselmi e Salvatore Salsedo lo riportano come 1 gennaio.Qualcuno oggi potrebbe obiettare grattandosi il mento alla don Abbondio “Abelardo Zambon chi era costui?”. La risposta sia pure indirettamente è data dagli storici. Zambon non era un carneade. Tutt’altro visto che parliamo del primo campione italiano dei welter, fatto che avvenne nel 1915, quando la Federazione Pugilistica muoveva i primissimi passi e non era ancora ben definita. Logicamente parliamo degli anni della I Guerra Mondiale per cui la sua inattività del 1916-17 era più che giustificata. Da quello che si è potuto capire da alcuni spezzoni e dalle cronache dell’epoca parliamo di un campione tutt’altro che modesto, che in pratica fu il padrone assoluto della sua categoria dal 1915 al 1923. L’unico avversario che lo detronizzò fu il peso, perchè era piuttosto alto per la sua categoria, infatti in due occasioni perse il titolo a tavolino anche se aveva vinto il match sul ring. E uno di questi avversari era niente di meno che Mario Bosisio. L’Europa a quei tempi era solo una cartina geografica in via di formazione, per cui non si parlò di un titolo continentale. Zambon si ritirò nel 1924 a 30 anni con un record di 43 vittorie, 31 prima del limite, 2 no contest e 2 no decision.

(alb)

Foto tratta dal sito di collezionisti www.delcampe.net

 

 

Lascia un Commento