Accadde oggi: 18 febbraio 1989 Michele Mastrodonato batte Jimmy Gourad

Il 18 febbraio 1989 a Pieve Emanuele Michele Mastrodonato disputava il suo secondo match da pro. A contrastargli il passo era stato chiamato Jimmy Gourad, pugile marocchina che svolgeva ampia attività in tutta Europa, un buon collaudatore molto apprezzato anche sui nostri ring. La vittoria logicamente non fu mai in discussione e l’avversario rimase in piedi grazie alla sua esperienza. Il pugliese di San Severo era uno dei nostri pezzi pregiati. Vincitore agli Assoluti nel 1985 e 1987 era un perno fisso della nazionale tra i welter e i superwelter. Faceva parte della spedizione olimpica a Seoul nel 1984. In quell’occasione non si comportò male vincendo i primi due match e venendo poi eliminato da un campione del calibro di Henry Maske. Mastrodonato era dotato di notevole potenza che sprigionava soprattutto dalla corta e media distanza. Arrivò abbastanza celermente alla conquista del Titolo Italiano dei superwelter. Non era facile trovare un avversario per lui, la sua potenza era ben conosciuta nel nostro ambiente. Fu proprio questa difficoltà ad accelerare la possibilità di una sfida mondiale per la WBO. Allora il campione era John David Jackson, che accettò di mettere in palio volontariamente il suo titolo proprio a San Severo. Forse fu un passo troppo lungo e Mastrodonato fu battuto prima del limite. La successiva sconfitta subita ad opera di Valentino Manca fu decisiva per appendere i guantoni al chiodo nel 1993 con 17 vittorie e 3 sconfitte.

Lascia un Commento