Accadde oggi: 19 febbraio 1940 Aldo Minelli batte Cesare Garbelli

Il 19 febbraio 1940 sul ring milanese nel sottoclou si affrontavano Aldo Minelli e Cesare Garbelli nella categoria dei leggeri. Minelli era ad inizio carriera e Garbelli era in pratica a fine carriera, avendo iniziato nel 1929. Eravamo in pieno periodo di guerra, organizzare era impresa titanica, ma nonostante questo la boxe aveva una tale attrattiva che vennero scavalcate tutte le difficoltà per dare la possibilità agli appassionati di vedere il loro sport favorito. Quella sera vinse Aldo Minelli, più giovane, su un avversario che comunque gli rese la vita difficile. Curiosamente il cognome dei due ha un doppio risvolto, perchè di Minelli ce n’era un altro nella boxe, più giovane di Aldo di 6 anni; mentre Cesare Garbelli era il papà di Giancarlo, che rimase affascinato da questo sport seguendo le imprese del genitore, divenendo poi quel grandissimo campione che tutti noi conosciamo. La boxe in famiglia offre intrecci ed episodi imprevedibili. Aldo Minelli era di Bergamo e all’epoca si dimostrò pugile di grande valore, come più tardi lo sarà il fratello Livio. Iniziò nel 1940 e conquistò il titolo italiano nel 1944 superando Bruno Bisterzo, dal quale sarà sconfitto nella rivincita. Le sue migliori imprese le effettuò in America come il fratello. I Minelli negli anni ’40-’50 erano conosciutissimi e sui ring statunitense affrontarono quanto di meglio c’era all’epoca. Aldo era un leggero, ma si fece onore anche da welter e da medio terminando la carriera con un record di 73 vittorie, 41 sconfitte, 16 pari e 1 no contest.

Lascia un Commento