Accadde oggi: 2 marzo 1971 Felice Becco batte Ugo Poli per ferita

Il 2 marzo 1971 a Morbegno,vicino Sondrio, salivano sul ring per combattere il valtellinese Ugo Poli e il ligure, come residenza, Felice Becco. Due nomi che ai giovani d’oggi probabilmente non dicono niente, volatilizzati nel limbo di internet. Difficile trovare notizie che li riguardano e tutt’altro che facile ottenere una loro foto. Nella storia esiste il milite ignoto e forse nel pugilato esiste il pugile ignoto, che man mano che se ne parla acquista sembianze e meriti tutt’altro che secondari.Ugo Poli e Felice Becco erano all’epoca tutt’altro che sconosciuti nel boxing nazionale. Appartenevano ad una categoria di nuovo conio come i superpiume. Poli e Becco erano due stacanovisti della palestra, il loro motto era entrare per primi e uscire per ultimi. Il primo era nato in un paese vicino a Sondrio. All’epoca era considerato più che una promessa con la sua boxe efficace,  una parola questa che riassumeva le sue doti di pugile completo. Aveva da poco fallito l’assalto al titolo dei piuma, ma perdere con Girgenti allora non era certo un disonore. Libero da legami di peso provò nella categoria appena sorta dei superpiuma. Diversa la situazione di Becco che ormai festeggiava la decima candelina tra i pro con una carriera dignitosa e con le sue buone impennate che lo portarono a contendere, senza fortuna, il titolo dei piuma a Lino Mastellaro. Quel giorno a Morbegno i due si trovarono di fronte per un match sulle 8 riprese. L’interruzione avvenne al V round per una brutta ferita al sopracciglio di Poli con verdetto per Becco. L’interruzione fu un vero peccato, perchè i due si stavano battendo “allo sfinimento” tra gli applausi del pubblico. Poli dopo tre mesi comunque conquisterà il titolo, che perderà e riconquisterà, ma andrà oltre affrontando per l’europeo il tedesco Lothar Abend nel 1973, dal quale fu sconfitto di misura. Felice Becco in pratica era a fine carriera e si ritirerà nel 1973 con un record di 22 vittorie, 22 sconfitte e 3 pari.

(alb)

Lascia un Commento