Accadde oggi: 7 marzo 1963 pari tra Federico Scarponi e Primo Zamparini

Il 7 marzo 1963 alla Casa dello Sport di Varese, alla presenza di circa 2000 persone e con la diretta televisiva si disputava una sorta di derby pugilistico dove in palio c’era il titolo italiano dei gallo. Federico Scarponi difendeva la sua corona dall’assalto di Primo Zamparini. Il campione era di San Benedetto e lo sfidante di Fabriano, anche se residente a Genova. Era un match molto sentito saoprattutto perchè vedeva all’opera un ex sfidante europeo contro la new age rappresentata da Zamparini, grande protagonista alle Olimpiadi di Roma. Il match non deluse le attese e Zamparini fece onore al suo ruolo di sfidante attaccando fin dai primi secondi per sfiancare il non più giovane avversario, reduce tra l’altro da un’ottima tournée in Australia. Scarponi non si fece smontare dall’irruenza dell’avversario tenendolo a freno con il destro di rimessa. I round si susseguono su questa falsariga: iniziativa di Zamparini e precisione di Scarponi. Incandescente il IX round con Zamparini deciso a concludere, ma Scarponi lascia la prudenza per rispondere con decisione. XI round a tutta birra con scambi su scambi e ultimo round con un superlativo Scarponi che si scaglia come una furia su Zamparini. Il verdetto di parità logicamente scontenterà lo sfidante, ma non i presenti che applaudirono a lungo la bella prova dei due beniamini. In pratica i due “galletti” forse in quel match diedero il meglio. Scarponi professionista dal 1954 si ritirerà nel 1965 con un record di 41 vittorie, 21 sconfitte, 4 pari e 1 no contest. Diverso il discorso di Zamparini che non manterrà le premesse per cui era ben accreditato: il fabrianese non avrà altre chances per il titolo italiano e si ritirerà nel 1966 con un record di 16 vittorie, 6 sconfitte e 6 pari.

(alb)

Lascia un Commento