Accadde oggi: 4 giugno 1969 Domenico Tiberia campione per la terza volta

Il 4 giugno 1969 Domenico Tiberia, all’età di 31 anni, conquistava per la terza volta il titolo italiano dei welter che era vacante. L’ altro sfidante era il bresciano Giuliano Nervino, un mancino dotato di discreta potenza. Il match si svolse a Vasto e Tiberia dimostrò ancora una volta che anche se non lo si voleva annoverare tra i fuoriclasse, era pur sempre un grande campione dotato di tenacia e orgoglio incredibili, doti che rispolverava grazie ad un allenamento assiduo che lo faceva stare sempre nel pieno della condizione fisica. Un esempio per tutti. Nervino faceva onore al suo ruolo di sfidante cercando di prendere l’iniziativa, ma doveva fare i conti con i colpi d’incontro del ciociaro, che non erano certo carezze. Alla IV ripresa il bresciano ebbe il suo momento migliore costringendo l’avversario ad un’affannosa difesa. Dalla ripresa seguente fu Tiberia a prendere decisamente in mano la situazione: il ceccanese iniziava i round a spron battuto e lasciava l’iniziativa a Nervino nella parte finale. All’VIII round Tiberia forzava i tempi, e al IX round dopo una lunga serie di montanti e ganci scuoteva l’avversario che veniva contato in piedi.  Quando riprendeva Nervino era investito da un’altra serie efficace e stavolta l’arbitro fermava definitivamente il match. Quello con Nervino fu forse l’ultimo match da welter, infatti il ceccanese proseguirà la carriera da superwelter e medio, conquistando a dispetto dell’età il titolo. Un grande campione che combatterà ancora a lungo fino al 1977 con un record di 66 vittorie, 16 prima del limite, 29 sconfitte e 6 pari.

(alb)

Lascia un Commento