Accadde oggi: 6 giugno 1969 Enzo Petriglia batte Kid Rainbow

Il 6 giugno 1969 quando sul ring del Palazzetto romano apparve l’avversario di Enzo Petriglia l’esigente pubblico era già pronto a contestare, ben munito di ortaggi da lanciare alla prima caduta. Enzo Petriglia all’epoca era considerato un vero e proprio talento, cresciuto nella nazionale guidata da Natalino Rea e Armando Poggi, i suoi colpi sembravano uscire da un manuale della tecnica tanto erano puliti e tempestivi. Ma ben presto il pubblico si dovette ricredere dalla prima impressione perchè il nigeriano Kid Rainbow era tutt’altro che una vittima designata. Dalla protesta alla tensione il passo fu molto più breve e il pubblico fu costretto a stare inchiodato sulla sedia, perchè il pugile di colore schivava al millimetro e faceva partire di destro e di sinistro “frustate” pericolose, che Petriglia, per fortuna ben preparato, assorbì con disinvoltura. Non solo, perchè oltrettutto Rainbow incassava tutto come se fosse fatto di cemento armato. Furono 8 riprese scintillanti accompagnate dagli applausi del pubblico. La vittoria fu assegnata giustamente a Petriglia, che nell’arco dell’anno continuò a mietere successi. La sua fu una bella e breve carriera, ma lungo la strada si scoprì che la sua mascella non era a prova di bomba e così pure la sua personalità. Un vero peccato che però non gli impedì di conquistare il titolo italiano dei leggeri e di avere un’opportunità europea con Antonio Puddu, dal quale fu sconfitto prima del limite.

(alb)

Lascia un Commento