Accadde oggi: 7 giugno 1963 Mazzinghi conferma la sua potenza contro Greaves

Il 7 giugno 1963, un giovane e aitante Sandro Mazzinghi era riuscito in poco meno di due anni a fare il vuoto intorno a se, sia tra i superwelter che tra i medi. Era diventato il beniamino del pubblico milanese: la sua boxe di impeto, quasi scientifica nella sua opera demolitrice sembrava non avere limiti. La prova i milanesi la ebbero quando un mese prima il toscano superava Don Fullmer, uno dei più forti per non dire resistenti pugili dell’epoca. Era già una buona impresa batterlo, ma farlo prima del limite era qualcosa di eccezionale. Per cui venne fatta immediatamente una prova d’appello, una conferma delle sue doti. Venne invitato a Milano un altro pugile di valore, oltrettutto di grande esperienza che aveva affrontato i migliori pari peso dell’epoca, parliamo di Wilfred Greaves, campione canadese . Nel suo record apparivano fior fiore di campioni, alle volte con risultati sorprendenti. La sua dote principale era quale di incassare anche le cannonate. La sua boxe non era certo “pulita”, ma all’epoca sui ring americani e canadesi non si guardava tanto per il sottile. Il match come prevedibile fu spettacolare e ad alta tensione. Per tre riprese Greaves replicava molto bene e il toscano doveva incassare anche dei colpi piuttosto pesanti. Anzi alla fine della seconda ripresa Mazzinghi aveva l’occhio destro gonfio a seguito di una testata e di un pugno a guantone aperto. Due scorrettezze al prezzo di una. Fu questo probabilmente che fece capire a Sandro di rischiare la sconfitta per ferita. Greaves oltrettutto era uno che andava sempre avanti, fu questo il suo errore anche perchè non conosceva la consistenza dell’italiano, che oltrettutto con il passare dei secondi e dei minuti aumentava il ritmo. Nella quarta ripresa il canadese si ritrovava al tappeto, ma quello che più era evidente è che gli rimaneva “poca birra” in corpo. Era quindi sufficiente un altro minuto del V round per vedere Greaves letteralmente catapultato fuori dal ring dopo una serie impressionante. Ci volle qualche minuto prima che il canadese riprendesse conoscenza con un sospiro di sollievo da parte degli spettatori.

(alb)

Lascia un Commento