Accadde oggi: 20 giugno 1951 Nuvoloni perde con lo spagnolo Romero

Il 20 giugno 1951 AlvaroNuvoloni, campione italiano dei gallo, fece scalo a Barcellona per affrontare Luis Romero, campione d’Europa dei gallo. Romero è stato uno dei più grandi atleti della sua nazione. Essere alto 1,52 m. e avere una potenza micidiale in entrambe le mani, non era certo da tutti. Quel giorno toccò al romano Alvaro Nuvoloni affrontarlo. L’allievo di Giuseppe Ballarati oltrettutto veniva da una sconfitta, assai discutibile, subita in Francia da Maurice Sandeyron, considerato all’epoca subito dopo Romero. Indubbiamente fu la guerra a fermare le iniziali velleità di questi due campioni. Il pubblico spagnolo non rimase certo deluso. I due scambiarono colpi in quantità industriale. Erano robusti fisicamente e mantennero altro il ritmo per tutte e 15 le riprese. Il match fu paragonato ad una corrida. Il romano, che aveva all’angolo Gigi Proietti, ingaggiò una battaglia, che divenne cruenta per le ferite alle arcate causategli dallo spagnolo. Non solo: Romero al III e VII round finì anche al tappeto. Il match si trasformò in rissa con il beneplacito dei 20.000 spettatori, che influirono anche sul verdetto favorevole a Romero.

Erano molti anni, dal 1944, che Nuvoloni combatteva, accettando qualsiasi avversario e ultimamente aveva problemi di peso per cui combattè in pianta stabile successivamente tra i piuma, dove fece sempre la sua parte fino al ritiro avvenuto nel 1955 con un record di 48 vittorie, 18 sconfitte e 18 pari.

Lascia un Commento