Accadde oggi: 5 settembre 1958 Scortichini mette ko Brisci

Il 5 settembre 1958 a Milano nella riunione che vedeva di fronte la sfida tra Duilio Loi e Mario Vecchiatto, valevole per il titolo europeo, c’era pure una sfida tricolore tra i medi Italo Scortichini e Angelo Brisci. Due ottimi atleti che avevano avuto solide esperienze in Amerrica, dove Scortichini, che era il campione italiano, aveva incontrato i più forti welter e medi del mondo. Il pugile di Fabriano appena fece il suo rientro in Italia dopo tre durissimi anni dimostrò subito il suo valore arrivando a dare filo da torcere al francese Charles Humez, un vero castigamatti, campione europeo dei medi. Quando Scortichini affrontò Brisci era da poco campione d’Italia dopo aver superato l’inossidabile Gino Rossi. Lo sfidante proveniva da Taranto e per lui, nonostante combattesse dal 1948, era la prima volta che aveva la possibilità di una sfida tricolore. Il pugliese non fu molto fortunato quella sera, perchè dopo due riprese equilibrate fu pescato da un destro alla carotide che causò un brutto ko. Ci volle qualche minuto prima che si riprendesse con un sospiro del pubblico presente. Per certi versi la carriera positiva di Scortichini si bloccò lì e si ritirò nel 1960 con un record di 40 vittorie, 26 sconfitte, 7 pari e 1 No contest. Numerose le sconfitte, quasi tutte con gente fortissima, alcune delle quali subite con campioni del mondo come Carmen Basilio e Kid Gavilan, con il primo disputò 3 epici match, ottenendo anche un pari. Ma il suo capolavoro Scortichini lo compì nel 1953 quando a New Orleans superò nettamente Willie Pastrano, che diventerà qualche anno dopo campione del mondo dei mediomassimi

Lascia un Commento