Accadde oggi: 12/9/1964 Santo Amonti vs Josè Angel Manzur

di Gabriele Fradeani

Il 12/9/64 Santo Amonti a Roma collauda le sue ambizioni in vista del match europeo dei massimi contro il tedesco Karl Mildenberger previsto per il 17/10/1964 alla Deutschlandhalle di Charlottenburg. Avversario di turno l’argentino Josè Angel Manzur accreditato di una rilevante potenza anche se sulla carta indubbiamente inferiore al nostro campione. Il match è stato preceduto da forti dichiarazioni dell’argentino che asseriva di poter battere, addirittura prima del limite, Santo Amonti. Oltre diecimila paganti hanno assistito al match al Palazzo dello Sport e le emozioni non sono sicuramente mancate. Già dalle prime battute si è capito che il combattimento non sarebbe andato al suo termine naturale; la prima sensazione forte l’ha data proprio l’argentino che alla seconda ripresa centrava Amonti con un destraccio d’incontro accusato nettamente. A questo punto Santo, assorbito il colpo, si produceva in un forcing asfissiante con colpi angolati al corpo ed al volto ed a Manzur non restava che fare il sacco. Molto lento l’argentino nelle sue azioni e soprattutto incapace di sventare con un passo laterale la pressione del campione italiano. Alla quarta ripresa Monzur appariva “cotto” e ad Amonti non restava che chiudere ma l’argentino, pure contato regolarmente per due volte, riprendeva caparbiamente la lotta e riusciva in qualche occasione a porre in imbarazzo l’italiano con qualche destro improvviso. La fine era comunque vicina ed alla ottava tornata visto che il match era diventato a senso unico, Amonti picchiava e Manzur incassava, all’arbitro Carabellese non restava che porre fine alla tenzone.
Un buon viatico all’apparenza e grandi speranze per la conquista dell’europeo ma poi ci pensava Mildenberger ad annullare le pretese di Santo Amonti battendolo prima del limite negandogli la soddisfazione di fregiarsi del titolo.

Lascia un Commento