Accadde oggi: 17 novembre 1962 Bruno Santini batte Giancarlo Garbelli

Il 17 novembre 1962 al Palalido di Milano tornava uno dei beniamini del pubblico lombardo, parliamo di Giancarlo Garbelli che però non appariva più il campione di una volta. La sua carriera ricca di soddisfazioni ma tremenda per la durezza dei suoi matches stava diventando un macigno pesante da trasportare. Parliamo di uno dei più grandi campioni della nostra storia, un campione che ha lasciato il segno tra i leggeri, i welter e i medi. Quella sera sul ring milanese affrontava Bruno Santini, pugile grezzo ma molto potente, reduce da una brillante serie di successi, che lo pronosticavano grande speranza della boxe italiana. Da tempo Garbelli cercava di cambiare il suo modo di combattere, non poteva più permettersi le battaglie di una volta. Le sue recenti sconfitte ad opera di Riquelme e Martinez erano suonate come un campanello d’allarme. Logicamente contro un tipo come Santini bisognava ragionare e soprattutto non accettare lo scambio dalla mezza distanza. Ma Garbelli si lasciò trasportare dal suo carattere e soprattutto dal suo orgoglio smisurato accettando di combattere proprio nel terreno “minato” del pratese. A guadagnarci ancora una volta fu lo spettacolo, ma a rimetterci fu il campione milanese che aveva chiesto troppo per generosità al suo fisico. Dopo questa sconfitta ai punti sulle 8 riprese Garbelli salirà sul ring altre due volte prima di ritirarsi con un record di 72 vittorie, 25 per ko, 14 sconfitte e 11 pari, nell’arco di una carriera da professionista iniziata nel 1952.

Lascia un Commento