Stanotte a Montecarlo c’è anche…il mondiale tra Yafai e Gonzalez

Indubbiamente la riunione di stasera alla Salle Medicin al Casino di Montecarlo segue la trafila dei grandi eventi a cui ci sta abituando la Matchroom di Eddy Hearn. Abbiamo parlato dei massimi Hunter e Ustinov, ma il match clou spetta all’opposto del peso vale a dire ai supermosca valevole per il mondiale WBA: parliamo del detentore Khalid Yafai (+ 24, 15 per ko) e lo sfidante Israel Gonzalez (+ 23, 10 per ko, – 2). In questo combattimento c’è un massimo comun denominatore e si chiama Jerwin Ancajas, il filippino campione IBF, che qualcuno vede come erede di Pacquiao. Il messicano Gonzalez, infatti, ha incontrato ad inizio anno Ancajas subendo una dura punizione con arresto del match al 10° round. La curiosità sta nel fatto se Yafai possa far meglio di Ancajas, per poi sfidarlo con relativa unificazione WBA e IBF, ma di questo comunque se ne parlerà più in là nel 2019. Yafai, ottima carriera tra i dilettanti e finora imbattuto sta convincendo tutti mettendo in riga per la WBA da due anni i suoi sfidanti. Il suo prossimo match dovrebbe essere con Roman Gonzalez, il nicaraguense ex campione per il WBC. Chi per ora sta lontano dai suoi “desideri” è proprio il tailandese Wangek, vincitore di Gonzalez. Una categoria in continua evoluzione che dovrebbe avere qualche sussulto nell’anno che viene.

Come abbiamo detto la serata di Montecarlo presenta vari altri motivi d’interesse. Chi rischia grosso è senz’altro il mediomassimo Frank Buglioni che affronta il cinese Fanlong Meng (+ 13), campione dell’Intercontinentale IBF. Per Buglioni una eventuale sconfitta dopo quelle con Fedor Chudinov e Callum Johnson lo metterebbe fuori dal grande giro. Nei massimi leggeri il russo Denis Lebedev (+ 31, 23 per ko, – 2), nonostante i suoi 39 anni, può essere ancora considerato un uomo difficile da battere, stavolta ci proverà l’americano Mike Wilson (+ 19, 8 per ko), imbattuto ma senza nomi eclatanti. Nessun problema è previsto per la medaglia d’oro olimpica di Rio de Janeiro il welter kazako Daniyar Yeleussinov (+4, 2 per ko) contro Marcos Mojica (16, 12 per ko, -2,=2), anche se il nicaraguense non scherza in fatto di potenza.

 

 

Lascia un Commento