Accadde oggi: 7 gennaio 1928 Luigi Quadrini diventa campione d’Europa

Il 7 gennaio 1928 al Palacio de Helo a Madrid Luigi Quadrini, casertano d’origine, ma nativo di Castelliri, diede un grande dispiacere agli spagnoli, accorsi in massa, scalzando dal trono europeo dei piuma Antonio Ruiz, che era da tempo il campione. Furono 15 riprese serrate, anche se non belle, ma alla fine il divario tra i due era netto. Per gli esperti Quadrini aveva vinto 12 round, mentre il suo avversario forse 3. Sono calcoli fatti ad occhio e croce anche se uno dei giudici, spagnolo di nascita, aveva segnato nel suo cartellino il pari, ma sia l’arbitro che l’altro giudice avevano visto la netta vittoria del pugile italiano. Troppo grande il divario tra i due: molto più veloce e intelligente il “ciociaro”, il maggiore vigore fisico dello spagnolo s’infranse di fronte alla tecnica superiore del nostro. Quadrini fu più volte campione italiano.  Detenne l’europeo per un anno circa. La sua attività si svolse in gran parte all’estero: Spagna, Francia, Stati Uniti, furono le sue mete preferite.

Si ritirò nel 1937 con un record di 57 vittorie, 47 sconfitte, 19 pari.

Lascia un Commento