Accadde oggi: 7 febbraio 1964 ancora un pari tra Carlo Duran e Ted Wright

Il 7 febbraio 1964 al Palalido di Milano c’era molta attesa per la rivincita tra Carlo Duran e Teddy Wright. La riunione era organizzata da Libero Cecchi. Nel precedente match i due terminarono in parità e forse c’era un leggero vantaggio per l’argentino. Bisogna tener conto che all’epoca Wright era considerato al V posto nella graduatoria mondiale dei superwelter. Il pugile di Detroit, leggera rassomiglianza con Ray Sugar Robinson, veniva da una sconfitta di misura subita contro Nino Benvenuti e incontrando Duran voleva riprendere il suo cammino mondiale. Wright partì molto forte consapevole della sua maggior potenza, ma Duran reagì con furore. L’americano cercò la media distanza, visto che il sinistro dell’avversario lo anticipava spesso. Si arrivava all’VIII round con vantaggio di Wright, però Duran negli ultimi due round trovò energie per mettere in difficoltà Wright e agguantare il pari, che fino a quel momento sembrava impensabile. Così anche questo match tra i due terminò in parità, ma a uscirne ingigantito fu Duran, che era salito sul ring in non perfette condizioni fisiche. L’argentino, infatti, si era presentato sul ring con il destro in disordine per un infortunio in allenamento, che lo aveva costretto a rallentare la preparazione.

Lascia un Commento