Gervonta Davis va di fretta e Hugo Ruiz dura solo un round

Al Dignity Health Sports Park, a Carson, si è svolto un supermondiale per modo di dire visto che il match tra il super campione WBC dei superpiuma, Gervonta Davis (+ 21, 20 per ko), e lo sfidante Hugo Ruiz (+ 39, 33 per ko, – 5) ex campione ad interim dei gallo WBC, è durato nemmeno un round. Oltrettutto chi ha subito il veloce ko è stato proprio colui considerato uno specialista del primo round, logicamente a parti invertite. Indubbiamente Ruiz è rimasto ipnotizzato dalla determinazione di Davis, che si dimostra sempre più campione da scoprire e soprattutto pronto ad affrontare per un’eventuale riunificazione avversari non certo trascendentali. La cosa cambierebbe se “Tank” Gervonta decidesse di passare nella categoria superiore per diventare coinquilino scomodo per Vasyl Lomachenko e Mickey Garcia, con borse decisamente più allettanti. Il neo campione avrebbe dovuto affrontare Abner Mares, ma le cose non avrebbero preso una piega diversa anche se Mares è pugile più scorbutico difensivamente parlando. Ha fatto una certa impressione vedere Ruiz sorpreso e paralizzato di fronte all’attacco violento dell’avversario, il messicano che oltrettutto aveva un allungo superiore è apparso senza idee, forse a causa di una preparazione non adeguata, ma probabilmente frutto di una sua fragilità mentale. Ruiz in pratica scappava fino a quando le corde lo intrappolavano per non vedere piombare un micidiale gancio che lo faceva crollare al tappeto, ma quando si rialzava non rispondeva alle sollecitazioni dell’arbitro, per cui il match finiva al 2’59” del primo round con vittoria lampo del campione e naso fratturato per lo sfidante.

Lascia un Commento