Leo Santa Cruz conserva il titolo di fronte al coraggioso Rafael Rivera

Leo Santa Cruz (+ 36, 19 per ko, – 1, = 1) è definito da molti il piuma più forte di tutti. Lo ha dimostrato ancora una volta conservando il titolo supermondiale per la WBA. Il campione ha superato agevolmente  ai punti in 12 round Rafael Rivera (+ 26, 17 per ko, – 3, = 2), che in pratica sostituiva Miguel Flores, infortunatosi in allenamento. Il punteggio non lascia dubbi visto che i tre giudici hanno segnato 119-109 a favore del messicano. Ben 334 pugni su 1273 scagliati sono andati a segno se vogliamo chiedere aiuto a Compubox, mentre le cifre del suo avversario sono dimezzate. Bisogna dare atto a Rivera di non aver voluto fare l’agnello sacrificale accettando lo scambio continuo che gli ha imposto “El Terremoto”. Certo la velocità e la precisione sono doti del campione, ma quello che importa è che il numeroso pubblico, quasi seimila spettatori, presente al Microsoft Theatre di Los Angeles non si è annoiato considerando la disparità di valori dei due pugili. Adesso dopo un breve riposo il campione intende procedere all’unificazione dei titoli lanciando la sua sfida a Oscar Valdez, Gary Russell e Josh Warrington. Potrebbe esserci anche lo spazio per la bella con l’ex campione Carl Frampton, l’unico che sia riuscito a superarlo in 13 anni di carriera pro.

Lascia un Commento