Accadde oggi: 18 febbraio 1982 Giuseppe Fossati batte Roberto Serreli

Il 18 febbraio 1982 il lombardo Giuseppe Fossati era chiamato a difendere il titolo italiano dei gallo a Cagliari dall’assalto che gli portava  Roberto Serreli, nativo di Monserrato, che era tra l’altro la patria di Fortunato Manca. Quella del pugile sardo era catalogata tra le imprese impossibili oltre che per la bravura tecnica del campione, ma soprattutto anche per la maggiore esperienza. Fossati partiva e spron battuto con la chiara intenzione di intimorire l’avversario con colpi al bersaglio grosso. Serreli dal canto suo con la guardia chiusa attendeva l’occasione per replicare di rimessa, cosa non particolarmente felice visto che il campione lo anticipava con il jab sinistro spesso doppiato da un destro incisivo. Il miglior round per lo sfidante era senz’altro il quinto dove sorprendeva l’avversario con una bella combinazione a due mani culminata con un montante al mento. Una ripresa che in pratica rimaneva isolata. Per il resto il campione molto mobile trovava sempre modo per arrivare al corpo e al volto dello sfidante che pian piano perdeva sicurezza. Il verdetto era chiaramente a favore di Fossati che due mesi dopo conquisterà l’europeo strappandolo a Valerio Nati.

Lascia un Commento