Accadde oggi: 12 marzo 1955 Artenio Calzavara batte Widmer Milandri

Il 12 marzo 1955 nella riunione di Savignano sul Rubicone Widmer MIlandri, reduce dalla dura sconfitta subita ad opera di Bruno Tripodi valevole per il titolo dei medi, avrebbe dovuto affrontare Guerriero, ma questi si infortunò e al suo posto si presentò Artenio Calzavara, un veneto possente e aggressivo. Indubbiamente nel cambio “il leone di Romagna” non ci guadagnò e dovette fare appello al coraggio e all’esperienza per non farsi travolgere dallo scalpitante avversario. Il match si svolse sulle 8 riprese e fu seguito con attenzione dal numeroso pubblico, la condotta di Milandri non fu certo passiva e il romagnolo a più riprese reagì contro il più giovane e pesante avversario. Alla fine il verdetto fu pronunciato a favore di Calzavara, ma con un divario minimo. Milandri dopo una lunga e gloriosa carriera che lo vide scontrarsi con i migliori d’Europa aveva dato ormai il meglio di sè e si ritirerà nel 1957 da mediomassimo. Chi invece avrebbe fatto un insospettabile carriera era proprio Calzavara, che da giovanissimo aveva svolto lavoro in miniera. Il giovane dimostrò una grandissima forza di volontà coadiuvata da un incredibile lavoro in palestra. Diventerà campione nazionale dei mediomassimi e più tardi conquisterà l’Europeo battendo Gerhard Hecht, una leggenda del boxing tedesco.

Lascia un Commento