Accadde oggi: 10 aprile 1964 Tommaso Galli batte Giuseppe Linzalone

Il 10 aprile al Palasport di Roma appuntamento “quasi settimanale” con la grande boxe. Tra i protagonisti Nino Benvenuti, Ted Wright, Sante Amonti e Giulio Rinaldi. Anche il sottoclou era di eccellenza a cominciare dalle 8 riprese tra Giuseppe Linzalone, campione italiano dei gallo, e Tommaso Galli. Non tutti erano d’accordo con il manager Luigi Proietti ritenendo il passo del romano “troppo lungo”. Galli passato da poco professionista aveva infilato 8 vittorie consecutive e veniva da un pari con il francese Renè Libeer, avversario di Burruni per l’europeo dei mosca. Il più tranquillo neanche a dirlo era proprio Proietti che conosceva bene le qualità di Galli. Il pugile romano sbalordì il numeroso pubblico presente dominando lungo l’arco delle 8 riprese Linzalone. Un match intenso e soprattutto vivace dove la visione tecnica del romano diede poche chances al pugliese. Il match fu il più applaudito della serata e soprattutto fu uno spot pubblicitario per la noble art. Si voleva fare la rivincita, ma Linzalone nel frattempo perse il titolo italiano ad opera di Federico Scarponi. Il romano da parte sua ottimizzò il tutto battendo prima Scarponi per il tricolore e poi Mimun Ben Alì per l’ Europeo. E’ sempre il caso di rinfrescare la memoria degli appassionati ricordando che Tommaso Galli fu campione d’Europa in tre categorie diverse (gallo, piuma e superpiuma), un record che resiste ancora oggi.

Lascia un Commento