Accadde oggi: 14 giugno 1954 Sandro D’Ottavio batte Serge Barthelemy

Il 14 giugno 1954 a Carrara la locale Pugilistica  organizzava una riunione che ebbe una buona partecipazione di pubblico. A disputare il match clou era stato chiamato Sandro D’ Ottavio, un medio romano che aveva un buon seguito per la sua bella tecnica e per la sua intelligenza nell’impostare il match. L’avversario non era certo dei più facili, parliamo di Serge Barthelemy, originario della Guadalupa che ogni tanto “si divertiva” a superare gente che sulla carta gli era considerata superiore, e tra le sue vittime spiccavano i nomi di Germinal Ballarin, Ivano Fontana e Gilbert Stock. L’ospite combatteva spesso anche da mediomassimo, ed era considerato buon tecnico con potenza. D’Ottavio, ben consapevole delle difficoltà, si presentò in ottima forma e a guadagnarci fu lo spettacolo che risultò di alto gradimento. L’incontro aumentava di intensità con il passare dei minuti e Barthelemy non fece mancare niente come risultava da due richiami per “testate” e “trattenute”. L’ultima ripresa era seguita da tutto il pubblico in piedi che esplose in un applauso quando fu comunicato il verdetto di vittoria per il “cucciolo” romano. Il 1954 fu un’ottima annata per D’Ottavio, che aveva perso nell’anno precedente l’opportunità di diventare campione italiano ad opera di Widmer Milandri. Ma la soddisfazione di diventare campione l’allievo di Proietti la otterrà nel 1957 nei mediomassimi superando Rocco Mazzola, che si prenderà la sua rivincita in altri due match, in pratica chiudendo la carriera di questo atleta, che a Roma in molti ricordano ancora.

Lascia un Commento