Accadde oggi: 6 luglio 1956 Paolo Rosi batte Joey Lopes

Il 6 luglio 1956 c’era grande attesa al Madison Square Garden di New York  per vedere in azione il reatino Paolo Rosi, un leggero che aveva impressionato per la sua potenza. Non era facile trovargli un avversario, i più quotati preferivano non rischiare per cui la scelta cadde su Joey Lopes, pugile di colore del Capo Verde, residente negli Stati Uniti, che aveva un record di tutto rispetto con vittorie su Sandy Saddler, Percy Bassett, Henry Davis, Dave Gallardo, Lulu Perez tanto per fare alcuni nomi di caratura mondiale. Un pugile di classifica sempre pronto a rompere le uova nel paniere. Si voleva il lancio del reatino, divenuto in poco tempo l’idolo degli italoamericani. Ma le prime 4 riprese non promettevano niente di buono. Lopes schivava con maestria e rientrava velocemente con montanti  che spesso arrivavano a segno, anche se incassati con disinvoltura. Poi sul ring l’arbitro Berle sembrava molto permissivo per le scorrettezze di Lopes. Dal V al VII round  Rosi cominciava a inquadrare il suo avversario che in più di un’occasione vacillava sotto i suoi potenti colpi. Le ultime riprese furono un calvario per lo sgusciante pugile di colore, che però riuscì ad aprire con una testata una ferita al sopracciglio destro dell’avversario, ma ci voleva ben altro per fermare una furia come il reatino. Vittoria netta, molti applausi e soprattutto il nostro pugile per la prima volta venne inserito al decimo posto del ranking mondiale. La sua scalata guadagnava posizioni…  

Lascia un Commento