Accadde oggi: 9 agosto 1968 Romano Fanali batte Bruno De Pace

Il 9 agosto 1968 a Livorno Romano Fanali conquistava il titolo italiano dei superleggeri che era stato lasciato vacante da Bruno Arcari. L’altro cosfidante era il pugliese Bruno De Pace e il match si svolse allo Stadio di Ardenzi, nonostante il tempo facesse temere il peggio. De Pace era stato messo subito in difficoltà nel II round  accusando un preciso destro d’incontro, cercava subito di reagire, ma forse non era una buona idea di fronte ad un avversario scatenato che lo stringeva alle corde tempestandolo di colpi fino a farlo crollare al tappeto. Dopo il conteggio il pugliese riprendeva le ostilità, ma un gancio sinistro e un montante destro al mento lo facevano sbandare con il pronto intervento dell’arbitro che fermava il match. Indubbiamente De Pace non era adatto a contrastare la boxe del livornese visto che i due si erano già incontrati un anno prima e anche in quell’occasione il match terminò dopo poche battute. Fasoli ebbe una brillante carriera che lo vide a più riprese campione italiano, ma non fu fortunato con l’Europa fallendo tre tentativi.

Lascia un Commento