Intervista a Salvatore Cherchi: una grande chance per il pugilato italiano

Carmine Tommasone il prossimo 2 Febbraio avrà la possibilità di diventare Campione del Mondo dei pesi piuma.

La sua sfida contro il messicano Oscar Valdez rappresenterà una golosa vetrina per il pugilato professionistico italiano che in questi ultimi mesi sta dando importanti segnali di risveglio, sia sul piano dei risultati che su quello organizzativo.

Abbiamo sentito colui che ha reso possibile questo appuntamento e cioè Salvatore Cherchi, il manager del trentaquattrenne pugile irpino.

Com’è nata questa opportunità per Carmine Tommasone ?

“Ci stavamo lavorando da tempo. Il nostro pugile – dopo aver conquistato il titolo del’Unione Europea e quello Intercontinentale Wba – voleva a tutti i costi confrontarsi con i grandi della sua categoria ed è stato accontentato. Per il messicano si tratta di una difesa volontaria e ce l’abbiamo messa tutta per trovare l’accordo con l’organizzatore Bob Arum che stima molto il nostro atleta”

Cosa pensa dell’attuale momento che sta vivendo la boxe professionistica italiana ?

“E’ un momento molto positivo. I promoter italiani stanno chiudendo accordi importanti, come il nostro con la Matchroom di Eddie Hearn che garantirà ai nostri appassionati di assistere a riunioni di stampo internazionale”

Anche le televisioni sembrano aver ritrovato interesse per il nostro pugilato

“L’interesse è legato alla qualità del prodotto offerto. Opi since 82 ha trovato in Dazn un’emittente ed un partner fondamentale per la crescita del movimento professionistico italiano e mi auguro che anche gli altri organizzatori facciano lo stesso, per il bene di tutti”

Sarà possibile vedere il match di Tommasone in Tv anche in Italia ?

“Espn trasmetterà l’incontro in America. Noi stiamo facendo di tutto per farlo vedere nel nostro paese. Se lo merita Tommasone e se lo meritano tutti gli amanti del nostro sport”

A quando la prossima riunione in italia targata Opi since 82 ?

“A febbraio. Stiamo cercando una location adeguata al programma. Nelle prossime settimane sapremo qualcosa di più. Di certo sarà un’altra grande manifestazione alla pari di quella del 30 Novembre che ha avuto luogo a  Firenze. E’ stato fondamentale dare una scossa, ora però serve dare continuità ai nostri sforzi”

Stefano Buttafuoco

Lascia un Commento