Accadde oggi: 8 giugno 1971 Golfarini pari ingiusto con Orsolic

L’ 8 giugno 1971 Remo Golfarini ex campione italiano ed europeo dei superwelter, per molti nella parabola discendente, accettò una trasferta pericolosa a Vienna contro un avversario di tutto riguardo come Johann Orsolic, ex campione europeo dei superleggeri e welter. Quest’ultimo era considerato uno dei più grandi campioni della storia austriaca, strenuo avversario dei nostri Arcari e Bossi. Gli organizzatori presentarono il match in pompa magna come la carta da giocare per Johann per le sue nuove ambizioni europee. Che Vienna fosse ostica nei nostri riguardi ci poteva stare, ma rifiutare una chiara vittoria come quella ottenuta dal livornese sul ring della Stadthalle al termine delle 10 riprese sapeva di beffa. L’arbitro Rado se la cavò alzando le mani a entrambi nell’inconfondibile verdetto di parità. Fu proprio Orsolic a dirigersi verso Golfarini e a scusarsi, un bel gesto di fair play applaudito dal numeroso pubblico. Nessuno si aspettava un Golfarini così determinato e in forma dopo le deludenti prestazioni precedenti. Il livornese aveva tenuto l’iniziativa per ben 7 riprese, concedendo ben poco all’avversario; anzi nel VII un colpo al fegato aveva lasciato Orsolic senza respiro e buon per lui che dopo pochi secondi era suonato il gong. L’austriaco, comunque, spirito indomabile, cercò di rovesciare la situazione nelle ultime tre riprese, anche se dall’altra parte Golfarini spesso replicava con gli interessi. Per il livornese Vienna è stata il canto del cigno, perchè si ritirerà l’anno successivo dopo una dura sconfitta subita dal picchiatore Gratien Tonna.

(alb)

Commenti

Lascia un Commento