Accadde oggi: 8 settembre 1956 Bruno Visintin batte Mario Vecchiatto

L’ 8 settembre 1956 i dirigenti della Virtus di La Spezia e l’organizzatore Ciaccio potevano definirsi del tutto soddisfatti della riunione organizzata allo Stadio Alberto Picco di La Spezia con oltre 9mila spettatori in un clima di grande passione. Si calcola che dal 1932 si sono disputati nella cittadina ligure ben 14 incontri validi per il campionato italiano. Protagonista per eccellenza in questa occasione era Bruno Visintin campione dei leggeri, titolo conquistato contro Antonini, e strenuo avversario di Duilio per l’Europeo. Lo sfidante era Mario Vecchiatto, un friulano dal destro pesante che si era messo in luce da poco tempo. L’incontro non fu certo facile per lo spezzino, che temeva molto il micidiale gancio destro dell’avversario. Visintin aveva classe e intelligenza in abbondanza, la sua condotta di gara fu improntata nella massima prudenza, ma non certo con una condotta rinunciataria. Vecchiatto dal suo canto aveva svolto una gara aggressiva alla disperata ricerca della soluzione prima del limite. Il ligure gettava alle ortiche la prudenza solo nelle ultime due riprese accettando lo scambio duro, ma soprattutto esibendosi in schivate al millimetro per mandare a vuoto gli attacchi di un avversario che cominciava a dare segni di stanchezza.

Lascia un Commento