Accadde oggi: 17 febbraio 1955 Luciano Raddi batte Jean Rouch

Il 17 febbraio 1955 all’Alhambra cinema teatro di Firenze saliva sul ring Luciano Raddi, uno scultoreo mediomassimo che aveva molto ben impressionato all’esordio. Il giovane faceva parte della colonia di Adriano Sconcerti. Quella sera era chiamato ad affrontare un insidioso mediomassimo francese. Il fiorentino che faceva progressi match dopo match non si lasciò intimorire dal maggiore allungo del francese, che tra l’altro picchiava duro con il destro. Raddi, atleta che sapeva ragionare sul ring concentrò la sua boxe sulla media distanza, unica soluzione per arrivare allo stomaco e costringere l’avversario ad abbassare le braccia per completare la sua opera al volto. Al V round Rouch colpito al mento crollava al tappeto e quando si rialzava non dava l’idea di aver recuperato, l’arbitro vista la situazione decideva per la fine del match. Raddi confermò il suo valore superando gente del calibro di Calzavara, Milandri e Bagnoli. Quando avrebbe dovuto raccogliere i frutti perse inaspettatamente per ko da Ivano Fontana. Una sconfitta dovuta a vari fattori, ma che certamente influì sulla decisione di abbandonare la carriera dopo due anni con un record di 10 vittorie, 2 sconfitte e 2 pari. Non sono molti a ricordarsi di lui, perchè fu una meteora, ma possiamo garantire che all’epoca su di lui si scommetteva ad occhi chiusi.

Lascia un Commento